Cosa vedere in Umbria in tre giorni
Alla scoperta di piccoli borghi e città

Santa Maria degli Ancillotti

Un viaggio alla scoperta dell’Umbria tra piccoli borghi e città tre giorni alla scoperta del polmone dell’Italia, grazie anche alle sue ricchezze naturali, tre giorni intensi tra le colline e le montagne dell’appennino. Con questo articolo andremo ad analizzare nello specifico quello che è possibile vedere dell’Umbria in soli 3 giorni di viaggio tra i più bei borghi e le più belle città della regione.


todi

Todi:


Todi uno dei borghi più belli d’Italia, vi lascerà sicuramente a bocca aperta grazie alla sua bellezza e alla ricchezza storico culturale dei suoi palazzi.
• La chiesa di San Fortunato: risalente al IX secolo è costruita su una scalinata, è la parte più alta dell’intero centro storico.
• Piazza del popolo: dove sono concentrati tutti i palazzi più belli della città. Il Duomo, il Palazzo del capitano, il Palazzo del popolo e quello dei priori.
• La chiesa della Santissima Nunziatina: conosciuta anche con il nome di piccola cappella sistina, per le decorazioni che impreziosiscono la sua volta.



Spoleto:


Costruita sul crinale della collina, rende questa città subito molto particolare già da prima di cominciare la nostra visita. Il centro storico della piccola città umbra, è curata nei minimi particolari, e la bellezza dei suoi palazzi rendono l’atmosfera ancora più suggestiva.

• Salite sul colle di Sant’Elia il punto più alto della città e visitate la rocca albornoziana di epoca trecentesca.
• Scendendo più in basso è possibile visitare il Duomo di Spoleto, la cattedrale di Santa Maria Assunta, costruzione risalente al XII secolo, visita il suo interno ricco di opere d’arte e arredi decisamente antichi sparsi nelle varie cappelle.
• L’arco di Druso e Germanico: un arco romano del 23 d.c. conservato tra gli edifici più moderni del vicolo in pieno centro storico.
• Il teatro romano: risale al I secolo avanti Cristo ha una forma circolare con un diametro di 115 metri
• La chiesa di San Salvatore: Patrimonio dell’UNESCO testimonia la presenza longobarda nella piccola città umbra.


Trevi:


Un borgo dalle dimensioni contenute, ricca di palazzi storici dispiegati in un itinerario ricco di sorprese.

• Piazza Mazzini: La piazza principale del paese, sulla quale si innalza la torre civica, il palazzo comunale e il palazzo del governatore.
• La chiesa di San Francesco: la cui struttura gotica risale al XIV secolo
• Il Duomo di Trevi: Ovvero la chiesa di Sant’Emiliano
• La chiesa delle lacrime: Costruita nel 1483 dove avvenne il miracolo della lacrimazione di una raffigurazione della madonna.


Spello:


Le vie in salita del piccolo borgo sono composte per lo più da edifici in pietra, che durante le infiorate di spello, festa cittadina che va in scena nel giorno del Corpus Domini, vengono addobbati a festa.
• Porta consolare: il principale accesso alla città
• Palazzo Comunale: Risalente al XIII secolo
• L’arco romano: che definiva il punto in cui il borgo di Spello si collega al monte Subasio.
• Porta Venere: un’altra importante porta stretta tra le due torri di Properzio.


Conclusione:


Tre giorni intensi alla ricerca delle bellezze naturalistiche e culturali dell’Umbria, tre giorni all’insegna dell’arte della storia e del buon cibo.




UMBRIA:


San Francesco


LE CITTÀ PIÙ BELLE E COSA VEDERE

Vuoi Informazioni per un soggiorno?
Contattaci adesso
+390758039764 WhatsApp
oppure inviaci la tua richiesta
compilando il modulo.
info@santamariadegliancillotti.com